Deep Web: la Cannabis è la merce più scambiata

Un pacchetto passaporto, carta d’identità e patente per l’Italia, si può acquistare a 750 euro

Tags: DeepWeb, Cannabis, MDMA, eroina, Xanax, ritalin, passaporto

La cannabis è la merce più scambiata nel Deep Web. A seguire prodotti farmaceutici come il Ritalin e lo Xanax e le droghe pesanti. Questo è quanto emerge dall’ultimo studio Trend Micro, leader globale nella sicurezza per il cloud, dal titolo “Below the Surface: Exploring the Deep Web”. La ricerca è frutto di un attento lavoro dei ricercatori Trend Micro, che negli ultimi due anni hanno esplorato il Deep Web raccogliendo e analizzando dati per capire cosa succede veramente in questa parte di web sommerso e quali sono gli impatti che le azioni all’interno delle darknet hanno sul mondo reale.

I ricercatori hanno scandagliato il Deep Web utilizzando il sistema Trend Micro Deep Web Analyzer (DeWa), in grado di raccogliere URLs collegati al Deep Web per cercare di estrarre informazioni rilevanti come contenuti delle pagine, link, indirizzi email e altro ancora. In totale, a oggi, sono 38 milioni gli eventi che sono stati catalogati e il sistema si è dimostrato molto utile anche per scoprire nuove famiglie di malware.

Tra le merci più scambiate nel Deep Web, i ricercatori Trend Micro hanno trovato al primo posto la Cannabis, seguita da psicofarmaci come il Ritalin e lo Xanax, le droghe pesanti come MDMA, LSD, metanfetamine, eroina e altro e per finire video giochi piratati e account online.

Il Deep Web è anche la patria dei Bitcoin, capaci di garantire l’anonimato, e del riciclaggio di denaro.
Proprio l’anonimato è la forza del Deep Web ed è una delle caratteristiche che crea i maggiori gratta capi alle Forze dell’Ordine. Sul Deep Web infatti si vendono anche documenti riservati governativi, militari ma anche dossier sulle celebrità, passaporti e documenti di cittadinanza oltre a omicidi su commissione. Un pacchetto passaporto, carta d’identità e patente per l’Italia ad esempio si può acquistare a 750 euro.