Trend Micro potenzia la sicurezza del cloud con le soluzioni ottimizzate per gli Amazon Web Services

Trend Micro introduce Deep Security as a Service e Secure Cloud 3.5, soluzioni avanzate e flessibili progettate per il cloud, che estendono ulteriormente i benefici della tecnologia di sicurezza Trend Micro per i clienti degli Amazon Web Service

Tags: Trend Micro, #TrendMicro, Deep Security as a Service, #DeepSecurity, AWS, Amazon Web Service, #AWS, cloud computing, #cloud

Trend Micro Inc. (TYO: 4704;TSE: 4704), leader globale nella sicurezza per il cloud, annuncia il potenziamento della sua soluzione per la sicurezza del cloud e del data center, che semplifica, automatizza ed estende la sicurezza per le organizzazioni che eseguono le proprie applicazioni enterprise e archiviano i dati sensibili negli ambienti cloud, tra i quali Amazon Web Services (AWS).

Per supportare ulteriormente le aziende nel loro viaggio verso il cloud, aiutandole ad affrontare le sfide di sicurezza uniche nel loro genere che questo ambiente comporta e conservare allo stesso tempo i vantaggi economici e operativi, Trend Micro ha collaborato intensamente con Amazon Web Services, Partner Trend Ready dell’azienda, nello sviluppo di soluzioni di sicurezza elastiche, flessibili e scalabili, compatibili con AWS.

Sicurezza automatizzata e cloud-based per AWS

Trend Micro Deep Security as a Service è una suite di sicurezza completa di funzionalità che vengono fornite a partire dal cloud e sono progettate appositamente per accrescere la sicurezza attuale degli AWS. Deep Security as a Service sfrutta gli API di AWS per automatizzare e semplificare il processo di deployment, senza ostacolare la flessibilità e la scalabilità degli AWS. In particolare, il servizio offre:

"Garantire la sicurezza dei dati dei clienti è la nostra principale priorità; per questo lavoriamo a stretto contatto con i partner, come Trend Micro, per aiutarli a fornire soluzioni di sicurezza che estendano ulteriormente le funzionalità esistenti agli Amazon Web Services”, commenta Terry Wise, head of worldwide partner eco system di Amazon Web Services. "Riteniamo che le recenti innovazioni e le nuove soluzioni introdotte da Trend Micro rappresentino risorse preziose per le organizzazioni che vogliono estendere in modo facile ed efficace pratiche di sicurezza comprovate alle loro implementazioni cloud”.

Estendere la protezione dei dati nel cloud

Le aziende di tutte le dimensioni hanno dichiarato che la cifratura dei dati sensibili è una delle funzionalità chiave per la sicurezza e che dovrebbe essere maggiormente sfruttata per diverse tipologie di carico di lavoro. Per questo motivo, quale parte integrante dell’offering annunciato oggi, Trend Micro introduce la nuova versione di Trend Micro SecureCloud 3.5, la sua rivoluzionaria soluzione per la crittografia e la gestione del cloud, progettata per estendere la protezione dei dati agli ambienti cloud. Grazie a SecureCloud 3.5 le aziende possono avvalersi di numerose nuove funzionalità volte a sostenere i benefici del cloud elastico, in particolare:


“Nel mondo del cloud, la proliferazione rappresenta il principale nemico della protezione", commenta Wendy Nather, research director Practice Security Enterprise di 451 Research. "Le aziende devono essere in grado di aggiungere i controlli di sicurezza essenziali con agilità, devono supportare le operazioni cloud, non rallentarle. Trend Micro Deep Security as a Service è stata pensata proprio con queste premesse”.

“Spostandosi nel cloud, le organizzazioni scelgono di assumere una responsabilità di sicurezza condivisa con il proprio partner cloud o di Infrastructure as a Service”, dichiara Kevin Simzer, vice president business development and global alliances di Trend Micro "Mentre i provider del cloud si assumono la responsabilità di aspetti quali il controllo fisico dell’accesso e la sicurezza dell’hypervisor, la responsabilità di proteggere l'ambiente, a partire dal sistema operativo guest in avanti, rimane però una prerogativa guidata dal cliente. Trend Micro vuole rendere più semplice aggiungere la sicurezza necessaria che si adatti alla modalità agile con la quale le organizzazioni utilizzano il cloud”.