Trend Micro Deep Security 8.0: la soluzione di sicurezza più innovativa per gli ambienti virtuali è ora disponibile in Italia

Deep Security, la prima soluzione agentless per i server virtuali. Nella nuova versione presenta anche la capacità anti-malware agent-based, che permette di estendere le funzioni di protezione ai server fisici

Tags: Virtualizzazione #Cloud Agentless #DeepSecurity

Milano, 15 Febbraio 2012 - Trend Micro annuncia che Deep Security 8.0, la soluzione su misura per ambienti virtualizzati, è ora disponibile in Italia.

Deep Security è stata la prima soluzione agentless per i server virtuali. Nella nuova versione presenta anche la capacità anti-malware agent-based, che permette di estendere le funzioni di protezione ai server fisici dotati di sistemi operativi Windows e Linux e offre una protezione continua e ottimizzata dei desktop virtuali che si spostano all'esterno e all'interno dei data center.

Trend Micro Deep Security garantisce quindi una protezione avanzata per i sistemi del datacenter dinamico, dai desktop virtuali ai server fisici, virtuali o in-the-cloud. Combinando in un’unica soluzione software gestibile a livello centrale funzioni di rilevamento e prevenzione delle intrusioni, firewall, monitoraggio dell’integrità, ispezione dei registri e protezione dalle minacce informatiche senza software agent, Deep Security protegge i dati riservati e le applicazioni di primaria importanza per impedire la violazione dei dati e assicurare la continuità aziendale, garantisce inoltre la conformità a standard e normative importanti come PCI, FISMA e HIPAA. Deep Security costituisce quindi un passo avanti rispetto ai prodotti utilizzati nell’ambito della sicurezza tradizionale e permette anche di evitare una serie di attività onerose in termini elaborativi.

Stefano Volpi, Country Manager Trend Micro Italia, afferma: " Questa nuova release di Deep Security ci riconferma come leader nelle soluzioni di sicurezza per ambienti virtuali. Da oggi inoltre, grazie alla protezione agentless o basata su agent, la protezione è completa per ambienti fisici, virtuali e in-the-cloud, dall’anti-malware al firewall, dalla prevenzione delle intrusioni al monitoraggio delle integrità”.

Deep Security 8.0 – key features

Per i server fisici:

Per i server virtuali:

Per i desktop virtuali:

Per i server cloud:

Trend Micro è stato il primo vendor a fornire soluzioni di sicurezza appositamente sviluppate per cloud pubblici e privati, anticipando il mercato con proposte su misura per le piattaforme e le infrastrutture di virtualizzazione e cloud VMware. Mentre Deep Security è una piattaforma per la sicurezza server che implementa un ambiente protetto per le applicazioni e i server residenti nel cloud, SecureCloud completa l'offerta proponendo funzioni per la crittografia e la protezione dei dati usati da server e applicazioni. SecureCloud è una soluzione policy-based per la gestione delle chiavi crittografiche e la protezione dei dati che semplifica il processo di cifratura e di tutela delle informazioni all'interno di ambienti fisici, virtualizzati e di cloud computing.

Tra i suoi vantaggi la capacità di favorire una più rapida adozione della tecnologia cloud, una maggiore riduzione dei costi e un superiore livello di conformità. Ora, con la nuova release di Deep Security, clienti e partner di canale potranno beneficiare dei punti di forza che scaturiscono dall'integrazione con le funzioni di cifratura e gestione policy-based delle chiavi di SecureCloud. Insieme, Deep Security e SecureCloud formano un framework context-aware che risponde alle esigenze in costante evoluzione dei datacenter dinamici. SecureCloud comunica con Deep Security utilizzando le informazioni sullo status di sicurezza fornite da Deep Security, facendo sì che qualsiasi server richieda l'accesso a dati cifrati disponga di una protezione aggiornata prima di concedere le chiavi di decodifica.

Nel caso in cui Deep Security rilevi il tentativo di avvio da parte di una VM priva dell'adeguato livello di protezione o compromessa da un attacco, SecureCloud reagisce negando alla VM l'accesso ai dati mediante il rifiuto delle chiavi crittografiche e avvisando l'amministratore per un suo intervento mirato.